Il Diamante

Il termine diamante deriva da “adamas”, un vocabolo mutuato dal greco antico che significa invincibile, indomabile, incorruttibile.

Ogni diamante è unico e particolare, ma ogni diamante contiene caratteristiche comuni che permettono agli esperti di confrontarli e di stimarne il valore.

Per determinare la qualità ed il valore di un diamante bisogna considerare 4 fattori, le cosidette 4C del diamante: peso in carati (Carat), colore (Color), purezza (Clarity) e taglio (Cut).

PESO IN CARATI (CARAT WEIGHT)

Il carato (ct) è l’unità di peso standard utilizzata per i diamanti e le altre gemme. Un carato equivale ad un quinto di grammo. Se inferiore al carato, il peso dei diamanti viene espresso in centesimi di carato.

TAGLIO (CUT)

Il taglio si riferisce alla finitura ed alle proporzioni di un diamante, e a come questi fattori influiscano sul suo aspetto generale.

Molti fattori contribuiscono a determinare il modo in cui la luce entra nella pietra e torna poi verso il nostro occhio, determinando bellezza e vivacità del diamante. Tali fattori determinano il grado del taglio che viene espresso su di una scala che va da eccellente a scarso.

PUREZZA (CLARITY)

A causa dell’enorme pressione e temperatura presenti al momento della formazione, nel diamante è facile trovare sia caratteristiche interne che esterne.

Ci sono due tipi di caratteristiche di purezza: le inclusioni e le caratteristiche esterne.

La differenza risiede principalmente nella loro posizione: le inclusioni si trovano all’interno del diamante, mentre le caratteristiche esterne si situano solo sulla superficie.

COLORE (COLOR)

Valutati su di una scala che va da D a Z, i diamanti di maggior pregio sono quelli che si collocano nelle posizioni D, E o F.

Il colore di un diamante viene determinato per confronto con una serie di diamanti dal colore noto (serie di paragone); ogni lettera-grado corrisponde ad una gamma di colori. La classificazione del colore viene eseguita in condizioni di illuminazione particolari e secondo una procedura rigorosamente controllate e standardizzate.

Se una pietra presente intensità di colore maggiore della lettera Z, essa rientra nella categoria dei colori “fantasia”. Il diamante naturale può presentare qualsiasi colore; finora sono stati identificati e classificati più di 300 colori diversi, ma sono possibili infinite varianti di differenti tinte e sfumature.